Libri Chicca



C’è una libreria… si trova vicino alla spiaggia, incastonata tra negozi che vendono tappeti, costumi da bagno e altri straccetti. Ha l’aria poco ordinata del magazzino. È composta da due stanze separate da un corridoio ingombro di cassettoni colmi di libri buttati alla rinfusa. Il padrone guarda la tv e bada distrattamente alla sua attività. Per arrivare ci metto circa un’ora e mezza di macchina, tocca intrufolarsi nella folla di turisti, sembra di essere in vacanza. Ma l’altra sera non ho fatto nessuna capatina in spiaggia, non ho nemmeno visto il mare. Ho preso la macchina e sono partita col semplice intento di arrivare lì.
Questa libreria di Grado, una del gruppo Tempolibro, ogni tanto mi manda il suo richiamo e devo andare, puntualmente trovo delle chicche.

Stavolta, oltre a quattro belle raccolte di fiabe e leggende a metà prezzo, ho rinvenuto, tra decine e decine di piccoli libri sottili, alcuni che penso siano ormai fuori produzione e disponibili solo in biblioteca. Invece per un euro soltanto, me li sono portati a casa.

Sono “Il maestro Bora” di Donatella Ziliotto (come potevo non averlo?!) un testo svelto e ironico di rara leggerezza, poetico e molto gustoso, e “Piccolo Nasolungo” di Wilhelm Hauff, un racconto bellissimo, classico ma nello stesso tempo moderno, si narra coi modi della fiaba classica, ma la trama scoppietta, non è scontata e fa sorridere. Tra l’altro, questo autore che non conoscevo, era di Stoccarda, e visse solo 25 anni, dal 1802 al 1827, ma raccolse in oltre trenta volumi, novelle, poesie, e soprattutto fiabe della tradizione popolare che spiccavano per senso dell’umorismo e del fantastico. Ha svolto lo stesso ruolo dei Grimm. Erano tutti appassionati raccoglitori di storie.






Si trovano ottime occasioni d’acquisto anche nel web, certo, ma bisogna ordinare, aspettare che arrivi il pacco, sperando di esserci quando arriva... insomma la libertà di cercare sfogliando senza fretta, il piacere della scoperta e quello di portarsi subito a casa il raccolto, sono sensazioni impagabili. Così è da un po’ che sto pensando di fare una “capatina” a Lignano, lì c’è un’altra libreria con questo marchio, anche in altri posti se è per questo. Li troverete con facilità, basta cliccare su http://www.librerietempolibro.com/
Il sito è squallidino, ma non fatevi scoraggiare dalle apparenze.

Vorrei dirvi anche di un altro autore-raccoglitore d’altri tempi, Lang.
C’è chi sta traducendo i testi.
Il sito http://www.lefavoledilang.it/index.html vi spiegherà nei minimi dettagli chi è e cosa ha fatto, vi anticipo solo che ha suddiviso le sue raccolte per libri dai vari colori e già questo è un tocco di romanticismo che non dispiace, se vi va date un’occhiata.
 



Commenti

Che bello scovare un posto così!! Fortunata donna, mare, cultura e un mondo fantastico...
Chiara ha detto…
Non conosco questa libreria di Grado, la prossima volta che ci vado la cerco...Un abbraccio e buona domenica...
ventodebora ha detto…
Chiara: è quasi all'inizio del viale che comincia subito a sinistra della fontana... facciamo che appena torno prendo il nome della via e ti fornisco indicazioni meno vaghe. Ciao! Mariangela: nel blog si raccontano le cose belle e carine, è la nostra isola e il nostro rifugio vero? Ciao!
cinzia e nunzia ha detto…
blog interessante...lo segnalo sul mio sito.
Ciao
Nunzia
http://cosedilino.blogspot.com/

Post più popolari