Lettori fissi

lunedì 12 dicembre 2011

Banshee


Copertina del libro che sto per presentarvi.
Si narra di una fata irlandese che un giorno
si sveglia arrabbiata, furibonda.


Molte volte già solo la storia personale di un autore o un illustratore, fa sognare.
Certi si sono ritirati a vivere nella campagna inglese, marchigiana, in montagna...altri in un faro, su un’isola quasi deserta. Meraviglioso no? E come vuoi che non siano liberi di catturare anche la più piccola ispirazione? Come vuoi che non riescano a farla lievitare, maturare, fino a diventare un bel racconto, o delle belle immagini? Senza perderne nemmeno un briciolino per strada. Mi piace pensarli, e saperli, fortunate menti libere di creare.
Credo però, che oltre all'ambiente che ci circonda; sicuramente molto importante; la condizione, almeno per me indispensabile, è poter contare su un ambiente sociale sereno, delle persone con cui si sta bene, con cui si parla volentieri, questo fa bene alla mia storia personale. Questo influisce sulla mia creatività. Se sono contornata da persone con cui non sto bene, quasi sempre mi spengo... scusate il piccolo sfogo, e passiamo a cose assai più interessanti. Passiamo al motivo per cui ho iniziato il post:

Ieri ho visto Banshee.
Immagini potenti. Parole bellissime.
Colpo di fulmine!





Dopo un primo sguardo ho notato che lo ha tradotto Alessandro Marcigliano
(c'è anche la sua intervista in questo blog)

è un libro di grande formato, non fatevi ingannare dalle foto dei dettagli,
mi dispiace se gli scatti forse sono poco riusciti, piove, c'è poca luce
e sotto la luce artificiale evitare i riflessi non è facile.














risguardi delicati


Alla fine c'è un'importante, chiarificatrice nota dell'autore,
 fa sorridere dolcemente ma soprattutto fa comprendere più a fondo il racconto.


Infine, ecco qualcosa che secondo me tutti i libri dovrebbero avere:







Alla prossima, con un libro tutto italiano.


2 commenti:

Chiara ha detto...

grazie per essere passata da me...Quando passo a trovarti ritorno bambina e mi incanto a guardare le foto....un abbraccio...

Chagall ha detto...

Che belli! No conoscevo questo autore, devo approfondire.

Archivio blog