Lettori fissi

sabato 23 giugno 2012

Mastrocola, e prezzi d'oltre confine

Devo dirvi che Paola Mastrocola; con questo suo cognome che mi fa immaginare una maga intenta ad intingere matite e penne in pozioni colorate dalle proprietà letterarie; mi ha stregata. Leggerla è come entrare in casa di un nuovo amico che ha solo cose nuove da raccontare. Leggerla è anche, allo stesso tempo, come tornare a trovare un parente che non vediamo da decenni, eppure c’è lo stesso intorno a noi, nonostante il tempo trascorso, un clima familiare.


Mi mancano ancora non molti dei suoi libri, ma di quelli letti, cerco di farvi qualche mini sintesi. “La narice del coniglio” (secondo me sa di fiaba moderna: una ragazza impara a muovere una narice come i conigli e usa questa capacità per testare le persone o togliersi da certi imbarazzi), “La gallina volante” (una giovane insegnante cerca segni di vita intelligente tra i suoi alunni, supera la noia del sistema e della quotidianità diventando allevatrice di galline e cercando di tirarne su una speciale), a tratti diverte la Mastrocola, a tratti sa essere lieve come un vento di campagna.… sto finendo “Una barca nel bosco”, e andrò presto a prendere gli altri, ma ora che è tempo di vacanze; e non so voi ma io in libreria perdo sempre ore a cercare il libro o l’autore giusto; ho pensato che un piccolo consiglio poteva starci particolarmente bene, boh?



Curiosità: la vetrina di una libreria a Fiume, in Croazia. Un libro di Fabio Volo venduto a, convertendo dalle kune, 30 euro! Certo che comprare un libro in lingua italiana laggiù ... e già che ci sono, siccome non ho mai letto un suo libro, però la cosa mi stuzzica, qualcuno di voi sa dirmi com'è?

2 commenti:

Chiara ha detto...

di Paola Mastrocola ho letto "Che animale sei?" e me ne sono innamorata!!! mi piace moltissimo il suo modo di scrivere, le storie, i personaggi...
di Fabio Volo non ho mai letto niente, chi lo ha letto me ne ha parlato sempre molto bene
buone vacanze!!!!

ventodebora ha detto...

Grazie Chiara! Allora prima o poi provo a leggere Fabio Volo. Buone vacanze anche a te, un abbraccione, Cristina

Archivio blog