Lettori fissi

lunedì 2 agosto 2010

Isola della Cona







è una riserva naturale, i periodi migliori per visitarla sono la primavera e l'autunno, infatti penso di ritornare tra un mesetto, (da settembre a gennaio tornano gli uccelli migratori) anche perchè non avevo la mia fida Nikon, ma solo una macchinetta piccola che non permette di fare le foto ravvicinate come piacciono a me. In effetti devo decidermi a portarmi dietro la Nikon, anche le foto ai casoni sono venute scialbe proprio per questo motivo, mannaggia non mi riconosco più! Comunque all'isola della Cona merita andarci, è un gran bel posto e ci sono i famosi cavalli Camargue, oltre ad innumerevoli sentieri ed osservatori, pace e bellezza.

2 commenti:

Stefania ha detto...

Che bello ...
In merito alla tua domanda , si , solo lana , senza collanti , fili , punti . La lana cardata è fantastica . All'inizio è come il cotone , ampia e morbida , poi si lavora con l'ago da lana cardata che è un ago con uncini che " impigliano " la lana fra sè. Così la forma , che prima devi contenere con le mani nella forma desiderata , si compatta e diventa un corpo resistentissimo... Il cane ( fruet ) è complesso , ci ho messo giorni ... ma per esempio il gattino o il coniglio sono veloci ... un'ora per tutti e due ... prova ... un abbraccio Stefania

ventodebora ha detto...

grazie sei gentilissima, purtroppo io a manualità sono messa male, e questo mi sa che è metodo in cui si richiede una vocazione particolare nelle mani... però è affascinante, solo lana, incredibile...