Lettori fissi

martedì 31 agosto 2010

Come la nonna...



oggetti antichi, una volta di uso comune, oggi quasi un ricordo
le sessole, tornite con cura a partire da un pezzo di legno qualunque,

 di quercia e di frassino,

 sono perfette per zucchero, caffé, granaglie e farine
ed è piacevole la sensazione del legno sui polpastrelli
mentre prepariamo una torta usando oggetti che fanno atmosfera e regalano calore

è sempre Eltornidor l'autore




lunedì 30 agosto 2010

Che scatole!

Prendere un pezzo di legno, guardarlo, rimirarlo un pochino e poi decidere cosa diventerà...



questo è il momento magico, mi ha detto...


lui che fa anche le scatole...

e mi racconta di olmi, mogani, mandorli, querce, olivi, frassini...



... non sono bellissime?

Per informazioni, scrivi a eltornidor@eltornidor.eu

mercoledì 4 agosto 2010

A SETTEMBRE...


sì, è quel lupo lì che state pensando...


sì, è quella bambina... è quella nonna...

insomma sì, è quel racconto lì, ma


così non lo avete mai letto,

perchè sarà in dialetto e in una nuova versione

e così non lo avete mai visto, perchè l'ha illustrato Ingrid,

che qui ci mostra un'anteprima a ventaglio:


Arriva a settembre...

con la prefazione di Sandro Davia
(alias el mago de umago e siora Jolanda!)
che sarà anche il curatore della collana "Fregole" fiabe in triestin.


lunedì 2 agosto 2010

Isola della Cona







è una riserva naturale, i periodi migliori per visitarla sono la primavera e l'autunno, infatti penso di ritornare tra un mesetto, (da settembre a gennaio tornano gli uccelli migratori) anche perchè non avevo la mia fida Nikon, ma solo una macchinetta piccola che non permette di fare le foto ravvicinate come piacciono a me. In effetti devo decidermi a portarmi dietro la Nikon, anche le foto ai casoni sono venute scialbe proprio per questo motivo, mannaggia non mi riconosco più! Comunque all'isola della Cona merita andarci, è un gran bel posto e ci sono i famosi cavalli Camargue, oltre ad innumerevoli sentieri ed osservatori, pace e bellezza.